© 2017 Carnevalspettacolo

Proudly created with Wix.com

Un percorso di uomini,

lungo 7 millenni

 

Possiamo iniziare la storia con le macine, i raschietti e le lamette di selce o le asce del V millennio a.C. che si sono trovate e si trovano in collina. Nei fondi di capanna ai "poncioni" (collina) i reperti testimoniano l'epoca del bicchiere a bocca quadrata, con ceramiche molto rudimentali. 

Negli anni '80 del 900, in paese, vengono ritrovati frammenti di anfore vinarie provenienti da molte parti del bacino mediterraneo in 2 discariche del primo e del secondo secolo d.C.; si trattava degli scavi per la costruzione dei condominii dell'area sud dell'abitato, adiacente (est) a Via Novara.

Il vino è il filo rosso che accompagna la nostra terra da molti molti secoli. La collina è il terroir giusto per la vite, che è presente da sempre (sul monte Fenera si sono trovate le viti selvatiche di antica origine).

link x vite selvatica

Dalla relazione dello studio condotto sugli esemplari della vite selvatica (Vitis vinifera sylvestris) nel Parco Naturale del Monte Fenera Dott.ssa Barbara BIAGINI Università degli Studi di Milano DiSAA (Dip. di Scienze Agrarie e Ambientali) ex DiProVe (Dip. di Produzione Vegetale) via Celoria, 22 - 20133 Milano

...

Conclusioni: In conclusione la popolazione del Monte Fenera rappresenta un caso peculiare nell'ambito della popolazione di vite selvatica italiana sia per la localizzazione topografica e geografica, che per l'inquadramento climatico. Questi aspetti uniti all'incapacità di portare a termine la maturazione dei propri frutti nei consueti tempi della vite selvatica, portano ad ipotizzare che la popolazione sia l'eredità di un lontano passato in cui le condizioni climatiche erano più favorevoli alla sua crescita e la sua diffusione era maggiore. Nonostante tutto, le viti riescono ad avere un moderato sviluppo, soprattutto nell'area antistante a Ciota Ciara. Dal confronto con altre viti sia selvatiche che domestiche, oltre che di altre specie di Vitis, le piante del Monte Fenera risultano mantenere la loro attribuzione di selvatiche ad esclusione di un caso da verificare con ulteriori approfondimenti. Da un punto di vista genetico comunque la popolazione in questione risulta povera e soggetta ad una progressiva omogeneizzazione, probabilmente dovuta ad un ridotto scambio genetico con altre popolazioni.